Crea sito

Sega le zampe al ciuccio che tanto ricrescono

| 20 settembre 2007 | 0 Comments

Da qualche giorno (cosa di cui sinceramente non mi ero accorto), i più famosi server della rete di Emule hanno smesso di funzionare. Non si sa il motivo ne il perchè, anche se probabilmente c’è dietro qualche causa da parte delle associazioni per la protezione dei diritti d’autore. Il mondo di Emule dice di essere pronto a sopportare tale carico tramite la propria rete Kad su modello Kademlia serverless ovvero tutti i pc sono nodi di ricerca con un sistema particolare di scansione dei risultati, leggermente più lento nella fase di ricerca per via dei ritardi di propagazione nei nodi ma stessa velocità di scambio file. Ok, su questo ci posso anche stare, un bel sistema, ben pensato, parzialmente utilizzato già da altri p2p del passato e ora ottimizzato da Emule ma mi viene un dubbio… Leggendo nei forum gli utenti sono convinti che la rete Kad sia indistruttibile ma c’è solo un problema che mi si pone e a cui non ho trovato risposta. Qualsiasi rete (anche di semplice scambio di file) ha bisogno dell’ip delle due macchine per potersi collegare fra loro. basta che uno dei due sappia ip dell’altro e lo chiami e fin qui ok, non so se ricordate il vecchio NetMeeting di Microsoft, inserivi ip e potevi scambiare file chattare o guardarti in cam con l’altro. Moltiplichiamo questi migliaia di pc che vogliono connettersi tra loro per creare una rete e facciamo finta che siano persone che devono incontrarsi per fare una cena tutti assieme… si devono dare un luogo d’incontro per andarci insieme! Qui sorge il mio dubbio. Tutti questi pc hanno comunque bisogno di un server su cui scambiarsi i propri ip e darsi la priorità per diventare parte della rete. Indi per cui comunque c’è bisogno di almeno un server, immagino, per far funzionare la rete Kad. Non credo che per le associazioni pro Copyright faccia differenza che un server offra la ricerca di file fra utenti (senza offrire fisicamente i file) o offra solamente gli ip di coloro che utilizzano Emule per farli collegare fra loro, assegnargli priorità e poi si stacchi… L’unico modo che vedo per creare una rete senza un server centrale, sarebbe quella di fare in modo che ogni singolo client faccia una sorta di port scanner casuale alla ricerca di un ip con altro client attivo ma non oso nemmeno immaginare il sovraccarico di traffico che si creerebbe nella rete e i tempi di ricerca di questi nuovi nodi… Dal mio punto di vista, che voi usiate Kad o usiate i server, sempre 1 server vi servirà per connettervi agli altri e nel caso veramente volessero chiudere Emule basterebbe semplicemente chiudere i server a cui i client Emule si collegano per la Kad (come stanno facendo ora per i server normali). Se poi si arriverà a colpevolizzare gli ISP per aver fatto tirare su un server Emule, allora sarà proprio finita.

Novità: da quanto ho capito osservando la Kad di Emule il client una volta connesso a un server interroga o riceve cmq gli ip dei client con Kad e li tiene in memoria anche al riavvio successivo del programma. Quando avviamo l’applicazione il nostro client va ad interrogare ip che si è segnato e se anche 1 solo risponde alla chiamata, il nostro client diventa anche lui un server all’intero della Kad. Se ipotizziamo che nessuno formatti o reinstalli emule da capo e che almeno 1 server sia su per ricevere gli ip dei Kaddati può anche andare…forse. Per mettere fuori uso il sistema di kad in toto basterebbe semplicemente mettere un aggiornamento forzato su server Emule che costringe il nostro client a cancellare la lista ip.

P.S. Ma non era vietato per leggere avere il log degli ip delle persone per più di tot tempo? In Emule con questo sistema, anche se criptati, cmq vengono conservati in memoria fino all’avvio successivo dell’applicazione, possono passare anche mesi o anni in cui gli ip rimangono memorizzati su ogni client… mah

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Category: Senza categoria

About the Author ()

Leave a Reply