Crea sito

Il disastro di Bradford

| 14 luglio 2010 | 0 Comments

Disastro di Bradford

Non ne avevo mai sentito parlare fino a questa mattina quando mi è capitato sott’occhio il filmato. Il pomeriggio dell’11 maggio 1985 si stava svolgendo, nello stadio di Bradford (Inghilterra), una partita di calcio fra il Bradford City ed il Lincoln City. Era una giornata di campionato particolare quella, il Bradford City, quel giorno, probabilmente avrebbe vinto il torneo della propria divisione e quindi lo stadio era gremito di tifosi. Gli spalti erano stati completati nel 1911 ed avevano molte parti in legno come era in uso al tempo della costruzione. La società, vista la futura promozione, aveva già messo in preventivo dei lavori per l’aggiornamento dei materiali, da legno a cemento e metallo, ma la tragedia, come spesso è successo e continua a succedere, fu più veloce della cura. Alle 3.40 un principio di incendio cominciò a scaturire dalle scalinate dello stadio. GLi spettatori seduti in quella zona, si alzarono e si spostarono verso il campo. alcuni entrarono nella struttura sottostante per cercare degli estintori. La ricerca si rivelò vana, nessun estintore era presente e quindi ne fu richiesto uno da parte di un poliziotto di guardia. Il fuoco intanto continuava ad alimentarsi e la gente cominciò a scappare oltrepassando la balaustra di divisione fra spalti e campo e la partita fu interrotta. Vennero chiamati via radio i vigili del fuoco ma ormai l’incendio era troppo avanzato. Nel giro di pochissimi minuti il fuoco salì dalle gradinate ai pilastri e intaccò la copertura anch’essa in legno. Quasi tutti si erano allontanati dalla struttura, tranne alcuni che avevano deciso di uscire utilizzando i tornelli all’interno dell’edificio. Per quelle persone non vi fu scampo. Alcune morirono schiacciate dalla calca, altre intossicate dal fumo. Due persone anziane morirono ancora sedute sugli spalti, altre che avevano cercato di scappare attraverso i servizi igenici non vi riuscirono e rimasero intrappolate. Una volta che il tetto ebbe preso completamente fuoco, pezzi incendiati della copertura iniziarono a cadere, sospinti dal vento, verso il campo dove la gente si era messa in salvo. Un secondo fuggi fuggi in posizione più arretrata ed altri feriti ed ustionati. Un uomo, come si può vedere anche nel video, corre per il campo avvolto dalle fiamme e viene spento coraggiosamente da altri spettatori con le proprie giacche, ma morirà più tardi in ospedale. Altre persone, prive di sensi, vengono trascinate via da alcuni poliziotti che si proteggono dal fuoco facendosi scudo, dai pezzi di tetto incendiato che gli piovono sulle teste, con le giacche. Il bilancio dell’incidente fu tragico, uno dei più gravi della storia del calcio inglese, 56 persone perirono e 265 rimasero ferite.

Sicuramente vi sarete chiesti quale è stata la causa dell’incendio. La tesi più probabile, ricostruita in base alle testimonianze di alcuni spettatori, è quella che una sigaretta o un fiammifero sia caduto o sia stato buttato a terra da un tifoso. Una volta a terra l’oggetto acceso deve essere rotolato fra le gradinate fino a cadere nel magazzino che era presente sotto le assi di legno. Nello stanzino era contenuta della spazzatura da smaltire e, secondo alcuni testimoni, molta carta, tanto da arrivare a pochi centimetri dal soffitto dello stesso e da risultare addirittura visibile guardando fra un gradino e l’altro. Nel giro di pochi secondi la carta prese fuoco, poi il resto della pattumiera e da lì l’intera struttura.

A questo link si può vedere la cronistoria della tragedia attraverso delle fotografie da cui è presa anche la foto nell’articolo.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
Il disastro di Bradford, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Related Images:

Tags: , , , , , , , , , , ,

Category: Storie

About the Author ()

Leave a Reply