Crea sito

Lenti Close Up +1 +2 +4 +10

| 14 maggio 2010 | 0 Comments
Lenti Close Up

Lenti Close Up

Un mese e passa fa, preso nelle prove dalla mia nuova reflex Canon 550D, notai le ovvie mancanze dell’ottica base 18-55 data in dotazione. Una relativa alla lunga distanza e l’altra alla corta. In questo articolo parlerò di uno dei sistemi che ho trovato al momento per ovviare alla seconda.

I sistemi di cui sono a conoscenza per ovviare alla mancanza nella corta distanza (macro) sono 3:

  1. Comprare un obbiettivo Macro (e nel mio caso visto che non ne farei un grande utilizzo non la reputo la soluzione ottimale, almeno al momento)
  2. Comprare un obbiettivo Tele-Macro come il Tamron 70-300mm F/4.0-5.6 oppure il Sigma  70-300mm F4-5.6 DG Macro (APO o no), ma per fare uno scatto in macro si deve stare alla ragguardevole distanza minima di 95cm con conseguente possibile movimento, non essendo obbiettivi stabilizzati
  3. Comprare delle lenti Close Up

Logicamente la mia scelta è ricaduta sulla terza possibilità. Il costo di questi aggeggi è abbastanza contenuto e non si tratta d’altro che di lenti supplementari avvitabili come filtri sulla testa autofilettata dell’obbiettivo. Per sceglierle non si deve fare altro che trovare il diametro dell’obbiettivo su cui si intende montarle (ad esempio nel caso del mio Canon EF-S 18-55mm f/3.5-5.6 IS il diamotro è 58) ed il grado di ingrandimento che si intende effettuare, solitamente indicato dal + associato ad un numero 1, 2, 4 o 10.  Non fatevi ingannare dalle apparenze, quei numeri non sono il livello di “zoom” effettuabile!

Questi “filtri” possono essere anche associati fra loro fino a formare un vero e proprio prolungamento fisico dell’obbiettivo. Le Close Up +1, +2 e +4 permettono quindi varie possibilità ulteriori ovvero +3, +5, +6 e +7. La +10 fa discorso a parte essendo troppo bombata internamente per essere montata sulle precedenti  senza urtare.

Personalmente, decisi di ordinare queste lenti su ebay, più esattamente un kit contentente tutte e 4 le lenti, ed uno scarno (ma pur sempre gratuito) set per la pulizia delle stesse. Ordinate il 12 Aprile, sono arrivate solo il 12 Maggio, probabilmente a causa di eruzioni vulcaniche a ripetizione, poste inglesi, poste italiane e chi più ne ha più ne metta.

Devo ammettere che a prima vista mi aspettavo che gli anelli fossero di plastica, e le lenti mostrassero marcate imperfezioni visto il basso costo, invece nulla di tutto ciò. Logicamente, come sospettavo, la pubblicità su ebay è ingannevole ma le lenti fanno il loro sporco lavoro egregiamente. Visto il maltempo che imperversa sul Piemonte da più di una settimana, mi è stato impossibile provarle all’aperto ed in situazione di luce piena ma qualche test al chiuso e con luce artificiale l’ho effettuato.

IL TEST

Dettaglio del Test

Dettaglio del Test

Ho sistemato la macchina fotografica sul cavalletto ad una distanza di circa 15-18 centimetri dalla superfice di un tavolo su cui era stata posta una carta da gioco. La minima distanza di fuoco dell’obbiettivo 18-55 è logicamente 25 ed infatti la barba del personaggio della carta, nella versione pulita senza lente Close Up risulta leggermente sfocata anche ponendo la messa a fuoco in manuale (cosa che la abbassa a circa 20cm).

Il test è stato effettuato, come specificanto precedentemente, in assenza di luce naturale e con luce ad incandescenza tendente al giallo, il colore delle carte è già di base giallo e traslucido, motivo per il quale la carta appare di quella tonalità beige.

Ne la carta ne il cavalletto sono stati mossi durante la prova, questo implica che ad una distanza fisica fissa di 15-18 cm. Le uniche cose che sono cambiate sono state la lente Close Up (utilizzata una alla volta) e la messa a fuoco (manuale nel caso della forzatura da quella distanza senza lente aggiuntiva, che indicherò con +0, e automatica in +1, +2, +4 e +10.

CONCLUSIONI

La lente +10 permette una messa a fuoco fino a 5 centimetri dall’oggetto che si vuole fotografare ed ingrandendo di circa 1/3 a pari distanza (anche molto di più man mano che ci si avvicina alla soglia minima di fuoco, quasi fino a far diventare una moneta fullscreen). In assenza di un obbiettivo macro, queste lenti fanno un ottimo lavoro sostitutivo, permettendo di fotografare piccoli dettagli a piccole e medie distanze. Man mano che il numero accanto al + aumenta, diminuisce anche la massima distanza di messa a fuoco, cosa da tenere bene a mente se si gira con uno di questi “filtri” montato sull’obbiettivo in cerca di qualche insetto volante sulla corona di un fiore…

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 7.3/10 (6 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 5 votes)
Lenti Close Up +1 +2 +4 +10, 7.3 out of 10 based on 6 ratings

Related Images:

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Category: Fotografia

About the Author ()

Leave a Reply