Crea sito

Giovane creatrice

| 30 ottobre 2009 | 2 Comments

Taylor Mitchell

Poche ore fa mi è capitato sott’occhio un articolo su Google news in cui si dava la notizia della scomparsa della cantante folk canadese Taylor Mitchell. Devo ammettere che non l’avevo mai sentita nominare prima di oggi e da quanto ho capito era una giovane promessa della musica. Sulla sua pagina di facebook, solo qualche giorno fa, mostrava tutta la contentezza nell’essere stata nominata per un premio dedicato ai cantanti folk canadesi e per aver iniziato da poco il suo primo tour. Ieri, mentre passeggiava in un parco della Nuova Scozia, è stata attaccata da due coyote. Le urla della ragazza hanno fatto in modo che degli esursionisti avvertissero i ranger ma, dopo essere arrivati sul posto ed aver liberato la ragazza dalle bestie, a nulla è servita la corsa con l’elicottero in ospedale. A causa delle gravi ferite la ragazza è morta.

Quello che mi rattrista, non è il fatto che sia morta una semplice giovane ragazza, di quelle ne muoiono tante, ma che sia morta una persona creativa. Nel mondo sono miliardi le persone, ma sono solo qualche miliore quelle creative e che riescono, solo grazie alla loro inventiva, a diventare qualcuno. Scrivere musica è una di quelle cose che può aiutare la gente a vivere e superare momenti difficili o a rendere perfetti i momenti felici. Ogni vita, se la si guarda singolarmente, ha una colonna sonora. I singoli generi di musica spesso rappresentano i vari momenti della vita di una persona. Tay, come ho visto che amava firmarsi, aveva appena iniziato a creare la colonna sonora della nostra vita quando la morte l’ha colta di sopresa, provenendo proprio dalla stessa Natura che lei amava e dai cui traeva ispirazione.

Onore a Taylor Mitchell, giovane creatrice

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Category: Notizie

About the Author ()

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Silvia GM scrive:

    Caro MidLab, sto facendo il mio solito giretto on line. Son rimasta colpita prima dalla foto con abbinato il titolo. Bella foto, in un angolo qualunque di bosco dove non capisci bene in quale stagione è stata scattata: alberi verdi altri rinsecchiti, foglie secche a terra. Carina sta ragazza con chitarra e valigia.
    Simbolicamente una giramondo. Ma non hippy trasandata tipica degli anni 60/70. No, lei appare pulita, ordinata, con una valigia simbolicamente piena di sogni e del minio indispensabile per la vita. Come se si trattasse di un viaggio non troppo lungo. Poi ho letto il tuo scritto. Certo che morire così è assurdo. Hai ragione per causa di un elemento della natura che lei amava. E’ assurdo ed anche atroce. L’unica cosa che può consolare: le è stato riconosciuto il talento della sua creatività. E con la sua musica rimarrà più immortale di una “comune mortale”. Bye .

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. MindLab scrive:

    All’immortalità si giunge con l’enorme successo e lei era ancora giovane per averlo. Quella nella foto è proprio la cantante in questione, ho scelto questa, anche se non si vedeva bene la faccia, perchè vi si poteva notare la voglia di stare in mezzo alla natura (quale cantante italiano andrebbe a fare un book fotografico in mezzo al verde con la chitarra ed una valigia?). Essendo così giovane sicuramente aveva ancora tantissime idee da sviluppare ma purtroppo ora non più.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Leave a Reply