Crea sito

Beppe Grillo, come un virus informatico ma con la barba

| 14 luglio 2009 | 8 Comments

Da qualche giorno sta imperversando Beppe Grillo con la sua volontà di entrare nel PD e rinnovarlo. Questo lo sanno tutti. Mi chiedo quanti avranno notato la somiglianza del suo sistema con quello di un virus informatico.

Il suo fine è quello di arrivare a prendere il pieno controllo del sistema. Per venirne a capo sta tentando varie vie, un po’ come le porte del PC collegato in rete, per ora le sta trovando tutte chiuse ma prima o poi troverà qualcuno che commetterà l’errore di farlo tesserare. Grillo ha anche ammesso di aver provato ad allettare quelli della sede del PD con 1 euro in più sulla quota associativa anche se con scarso successo (però i soldi in più se li sono tenuti), esattamente come succede per i virus che si trovano in crack, keygen e altri programmi allettanti ma pericolosi che si trovano per la rete e su emule. Ha anche provato a nascondersi fra altri due personaggi non conosciuti, esattamente come i virus con l’eseguibile nascosto fra altri innocui file. Sta anche provando da 2 giorni ad indebolire le difese del PD tramite continui e snervanti messaggi di allarme, un po’ come i popup del firewall e dell’antivirus che ti portano a disattivarlo per disperazione.

Chi l’avrà vinta alla fine? Il Grillo-virus-barbuto o il PD-firewall?

P.S. Ci manca solo che il PD dia la colpa dell’attacco allo Psiconano come Grillo definisce Berlusconi.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
Beppe Grillo, come un virus informatico ma con la barba, 10.0 out of 10 based on 2 ratings

Related Images:

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Category: Notizie

About the Author ()

Comments (8)

Trackback URL | Comments RSS Feed

Sites That Link to this Post

  1. diggita.it | 14 luglio 2009
  2. Notizie dai blog su Beppe Grillo sull’iPhone | 22 aprile 2010
  1. non so quale sia il programma politico di Grillo. E’ un comico, almeno lui si definisce tale. Non so come intenda guidare il paese facendo in modo che non diventiamo tutti cinesi o che ci ammaziamo come robot impazziti per il dominio del giardino vicino … ma ho visto la paura, IL TERRORE, dei politici in carica di quelli che continuano a dirci le cose per il nostro bene, per il bene del Paese …

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. MindLab scrive:

    Quello che non capisco è perchè ci sia gente che crede che per essere politico si debbano avere delle particolari doti e superpoteri. Per fare il politico, invece, basta solo avere più amicizie degli altri. Grillo ad esempio le ha, non la mia ma le ha.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  3. Claus scrive:

    Ormai la politica somiglia sempre di + ad un reality show quello che si fa notare maggiormente rimane impresso nella mente e prende + voti, ke idee politiche sono ormai in secondo piano

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  4. MindLab scrive:

    Per me fin dall’inizio si è dimostrata un’abile mossa di Grillo per dimostrare agli elettori ed ai membri del PD con voglia di cambiare che il loro partito è chiuso alle novità. Il suo vero volere non è mai stato quello di entrarci ma semplicemente quello di dimostrare agli altri che è inutile starci. Fra un po’ di tempo dirà che visto che non gli è stato permesso di entrare nel PD, formerà il suo partito (o andrà da Di Pietro) e ci sarà una migrazione di 1/3 – 1/4 del PD verso il nuovo. Grillo non è stupido, è ligure! Gli affari li sa fare.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  5. branduz scrive:

    Concordo con Mind..non ha intenzione di iscriversi veramente, mi chiedo se questo non sia ulteriormente dannoso per il PD.

    In ogni caso se un partito decide di far scegliere il leader dal “pueblo” è come se questo “appartenesse” al popolo, quindi che diritto hanno i D’Alema-Veltroni-Bersani di impedire candidature? Hanno distrutto un partito e ancora non vogliono staccarsi dalla tetta!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  6. MindLab scrive:

    Il problema non è solo nel PD, è in qualsiasi partito italiano. I vecchi capi partito non si sentono in dovere di lasciare posto ai “giovani” creando in questo modo una politica di morti viventi ben lontana dalla vita quotidiana. Essere politico non dovrebbe significare “vivere una vita interamente da politico”, si dovrebbe rimanere in un partito solo fino a quando si hanno idee innovative per poi lasciare posto agli altri quando la propria “vena intellettiva” è svanita. In italia, invece, esiste la carriera da politico purtroppo.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Leave a Reply