Crea sito

L’epopea della mia nuova Nikon Coolpix L16

| 23 gennaio 2009 | 5 Comments

nikon_l16Sabato scorso, preso da un attacco di malinconia, ho deciso di andare da Saturn al Centro commerciale 8 Gallery e comprarmi una macchina fotografica nuova. In tasca avevo una novantina di euro, quindi il budget era sufficiente per una compatta di medio-basso livello, nulla di esagerato ma la mia speranza era che fosse qualcosa di qualità accettabile amatorialmente… appunto, solo una speranza. Fra le varie marche e modelli disponibili, questa volta (visto che la mia vecchia macchina è una Sony DSCP72 di quasi 5 anni), decido di comprare una Nikon. Mi ricordavo la serietà delle macchine di qualche anno fa e speravo che la qualità fosse rimasta simile! Anche questa era una vana speranza… Una volta arrivato a casa e scartata la mia nuova macchina fotografica Nikon Coolpix L16 (in tasca non avevo abbastanza soldi per la L18), mi accorgo che ha una pessima “sensibilità” al buio. L’unico modo per fare le foto di sera al chiuso è utilizzare il flash, anche in presenza di forte luce artificiale. Le immagini fatte senza flash risultano sgranate e nel 90% dei casi non a fuoco (la macchina vanta uno stabilizzatore che però non ho mai visto farsi vivo per ora). La sera stessa mi leggo il manuale e scopro con mio sommo dispiacere l’impossibilità di impostare l’ISO manualmente e capisco allora la difficiolta nel fare le foto in condizioni di scarsa luminosità,  l’adattamento ISO automatico non è all’altezza delle aspettative. La macchina ha a disposizione una infinità di preimpostazioni per lo scatto ma, tranne 2 (ed usate non come specificato), si dimostrano mal bilanciate. La funzione macro (per fare le foto ad oggetti molto vicini all’obbiettivo), tanto citata nei manuali con una distanza minima di 15 cm, risulta essere in realtà funzionante solo ad una distanza di 23-25 cm dall’oggetto da riprendere (poi non capisco perchè nel profilo macro si attivi in automatico il flash che sulle corte distanze da PESSIMI risultati accecando il sensore)… Vi è anche la funzione che da una maggiore saturazione dei colori per fare foto più vivide, ma anche inserendola le foto sembrano come scattate attraverso un foglio di cartavelina, tipo effetto offuscato dai colori smorti. La messa a fuoco in qualsiasi tipo di fotografia (tranne quelle con flash) risulta mal bilanciata (mette a fuoco e poi nell’ultimo millisecondo risposta il fuoco leggermente più lontano di dove puntato). Il giorno dopo ho provato a fare delle foto ai palazzi di fronte nella via, ma il risultato è stato a dir poco mediocre. In poche parole è una ottima macchina fotografica se vivete in un tunnel nella striscia di Gaza e dovete fare foto con il flash. Sconcertato dalla scarsa qualità della macchina l’ho lasciata sulla scrivania per 6 giorni. Oggi decido di attivare la garanzia e qui sono sorti altri problemi che mi hanno fatto realmente INCAZZARE (si è il termine giusto in questo caso, ” indignare” non esprimeva a fondo cosa intendevo).  La garanzia è da attivare entro il settimo giorno dall’acquisto, in caso contrario non sarà più attivabile. Vado sul sito della Nital, trovo dove attivare la garanzia della mia Coolpix L16, ma già leggendo le istruzioni mi accorgo che qualcosa non va. Sulla tessera del sito i codici sono due “Numero di Serie” e “ID”. Sulla mia è presente solo l’ID. Dopo varie ricerche su internet e sulla scatola e macchina fotografica, arrivo alla conclusione che il numero di serie è il numero sotto la macchina fotografica e sul lato della scatola. Provo a inserirli sul sito e mi si apre una scheda di registrazione al sito. Inserisco tutti i dati (incluso il codice fiscale) e sotto scopro una cosa incredibile. Per avere la garanzia serve inserire TUTTO riguardo l’acquisto. Nome del negozio, indirizzo, data dell’acquisto, totale spesa dello scontrino, numero dello scontrino e, udite udite, la foto o la scannerizzazione dello scontrino stesso  (notare che qualche riga sopra c’era scritto di conservare lo scontrino e la scheda della garanzia, allora cosa se ne fanno della copia digitale?)! Per installare lo scanner ci ho messo 20 minuti visto che avevo appena reinstallato windows senza metterci ancora i driver ed ho dovuto riscaricarli dal sito della Lexmark. Scannerizzo lo scontrino (farci una foto era impensabile con le condizioni di luce pomeridiane e questa macchina), lo riduco fin sotto i 500kb come indicato dal sito Nital e premo fiducioso il tasto per procedere con la registrazione… ERRORE!

nital

Depresso ho provato a reinserire il codice e tutti i codici presenti sulla scatola e sulla scheda della garanzia ma nulla. Subito dopo ho cercato nel forum interno al sito Nital e cosa scopro? Due cose interessanti. La prima è che non sono il solo ad avere il problema del “Numero di Serie” inesistente sulla scheda della garanzia della Nikon Coolpix L16 (ed ho visto che la stessa cosa vale anche per la L18). La seconda cosa è che esiste un richiamo ufficiale da parte della Nikon europa per la L16 ed L18. Naturalmente il numero di serie della mia è incluso fra quelle difettate. L’avviso-richiamo dice così:

È stato identificato un problema relativo a un possibile surriscaldamento delle fotocamere digitali compatte COOLPIX L16 o L18, nell’improbabile caso in cui le batterie venissero inserite con i terminali invertiti e la fotocamera ricevesse contemporaneamente un urto o subisse un impatto. In tali circostanze, l’errore potrebbe verificarsi indipendentemente dalla posizione ON o OFF dell’interruttore di alimentazione. Nel peggiore caso possibile, il surriscaldamento potrebbe comportare la deformazione della calotta superiore della fotocamera, compromettendo il funzionamento della fotocamera stessa.

Questo errore non si verifica se le batterie vengono inserite con i terminali positivo e negativo nell’orientamento corretto. Adottare le precauzioni necessarie per assicurarsi che le batterie vengano inserite nell’ordine corretto seguendo le linee guida fornite nella sezione “Primi passi – Inserire le batterie” del manuale utente.

Ci scusiamo per gli eventuali inconvenienti che questo problema potrà causare. Controlleremo e, se sarà necessario, provvederemo alla riparazione gratuitamente, anche se la vostra garanzia potrebbe essere scaduta. I prodotti in questione identificati sono indicati di seguito.

Il link a cui potete trovare l’avviso originale ed i numero di serie delle macchine difettate è questo.

Dopo quest’ultima cosa non ci ho visto più. Ho rimesso la macchina fotografica nella scatola e domani la riporto indietro applicando il diritto di recesso. Questa è una presa in giro non una vendita! Non posso credere che quelli del negozio non sapessero di questo difetto. Soprattutto visto che il centro assistenza ITALIANO si trova in corso Casale a TORINO. Vedremo domani che succede…

Aggiornamento del 25 gennaio:

Macchina fotografica restituita, ora devo vedere cosa prendere con questo buono… ardua impresa…

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
L'epopea della mia nuova Nikon Coolpix L16, 10.0 out of 10 based on 2 ratings

Related Images:

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Category: Senza categoria

About the Author ()

Comments (5)

Trackback URL | Comments RSS Feed

Sites That Link to this Post

  1. Recensione Canon IXUS 90 IS | 12 febbraio 2009
  1. Andrea scrive:

    Ciao,

    il tuo racconto sembra la riproduzione fedele di quanto è capitato anche a me ad iniziare dalla scarsa qualità delle fotografie per finire con il difetto riportato su alcuni numeri di serie.
    Inoltre anche io possiedo una “vecchia” Sony DSCP da 3.1Mp che scatta foto di qualità decisamente superiori.
    Sono veramente deluso da Nikon e cercherò anch’io di ridarla indietro.

    Andrea

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. MindLab scrive:

    Ti consiglio vivamente di restituirla, è davvero inaccettabile come qualità ed il fatto che sia anche difettata la partita che stanno vendendo in Italia ora, lo trovo vermante assurdo. Ti consiglio La Canon serie IXUS, è di una qualità strabiliante rispetto alla Nikon. Io ho trovato sottocosto la IXUS 90 IS e solo da poco mi sono accorto che c’è anche il tempo di otturazione fino a 15 secondi, oltre alle solite cose che ci DOVREBBERO essere in tutte le macchiine fotografiche. Per il resto ha le stesse identiche cose della serie DSCP della Sony e può fare macro perfetti a 3cm di distanza dall’oggetto ed ha un sensore da 10Mpixel. Mi trovo davvero bene ora.

    Qui puoi trovare delle immagini che ho fatto con questa macchina fotografica (l’articolo l’ho scritto malissimo ma ero di fretta quel giorno): http://www.ilchiaroscuro.altervista.org/archives/1780

    P.S. Se vuoi restituirla ti consiglio di dargli come motivazione il fatto che è impossibile da registrare sul sito per via del codice. Il personale del negozio non avrà sicuramente voglia di registrarsi al sito nikon, inserire tutti i dati, scannerizzare lo scontrino, inviarlo e inserire il codice (che non c’è nella confezione). Per legge dovresti avere 10 giorni per farlo mi pare.

    Spero di poterti essere stato utile.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  3. luca scrive:

    Ohi è una macchina fotografica senza alcuna pretesa se volevate foto decisamente migliori dovevate spendere molto di più di 90 euro… se uno esce il pomeriggio di casa nn sa ke fare e si compra la prima fotocamera ke si avvicina ai 90 euro ke ha in tasca… io ho la coolpix l16 e mi trovo bene so ke nn è una reflex e nn ho pretese esagerate xk la macchina è questa..ki più spende meglio mangia..poi grazie ke la canon IXUS 90 IS è meglio costa 3volte la coolpix!!!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  4. MindLab scrive:

    Da un marchio come Nikon e Canon si pretende sempre e comunque e a qualsiasi livello. La poca serietà si è dimostrata anche nei millantati anni di garanzia non attivabili a causa della mancanza del talloncino con codice all’interno della confezione. Non è la Benq o la Waitec che fanno macchine fotografiche tanto per. La Ixus 90 IS era, già all’epoca, il modello dell’anno precedente e già in fine produzione se non addirittura terminata.

    P.S. Ora sono il felice possessore di una EOS 550D.

    P.P.S. Sono alla quarta macchina fotografica digitale e sono circa 8 anni che faccio fotografie e ti posso dire che ne ho viste di molto meglio della L16 e sotto praticamente tutti i punti di vista. Dallo stabilizzatore, all’ottica, all’esposizione ed al dettaglio la L16 è orrenda.

    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VN:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Leave a Reply